Testata per la stampa

Ancora un maxi sequestro a cura della Polizia Locale

comunicato stampa 11.07.2018

Ancora un maxi sequestro a Bibione della Polizia Locale ma stavolta non sono state le spiagge ad essere battute palmo a palmo ma il blitz è scattato all’interno di un grande bazar, che opera su viale delle Costellazioni, la via commerciale principale di Bibione.


L’operazione, che rientra nel piano di prevenzione e repressione contro il commercio illegale denominato dal Comando di polizia locale “Commercio sicuro 2018” ha visto il sequestro di 3.467 pezzi di cui 167 di natura penale, 702 per violazioni amministrative e penali e 2598 di natura amministrativa per un valore complessivo di circa 35.000 euro.


“Il servizio di controllo ad un esercizio commerciale tra i più riforniti di Bibione – spiega il comandante del Distretto Veneto Est, Andrea Gallo -  si è protratto per oltre 3 ore da parte di 10 agenti e ha comportato un maxi sequestro di merce che non era in regola con varie normative, tutte legate alla tutela del consumatore.  Nello specifico sono stati trovati giocattoli senza il marchio CE, altri prodotti privi di informazioni obbligatorie relative al produttore ed importatore ed altri giocattoli senza gli estremi del fabbricante”.


La ditta titolare del negozio, che ha sede a Treviso ed è gestita da cittadini del Bangladesh dovrà pagare sanzioni che vanno dai 1.500 euro fino ai 25.000 euro mentre saranno condotte ulteriori indagini sui  prodotti privi dei dati del fabbricante.


“Come ribadito più volte – evidenzia il dirigente Gallo – la lotta all’abusivismo per la tutela del consumatore non si limita ai controlli in spiaggia, dove peraltro sono stati sequestrati migliaia di oggetti anche la settimana scorsa, ma si estende a negozi e magazzini a Bibione. Ulteriori accertamenti sono in corso per verificare se vi sono rapporti tra negozi e venditori in spiaggia”.


Soddisfazione è stata espressa per questo nuovo maxi-sequestro dal Sindaco di San Michele-Bibione, Pasqualino Codognotto: “E’ estremamente importante continuare in questa azione quotidiana per il contrasto al commercio irregolare – evidenzia Codognotto – perseguendo chi non rispetta le regole e le leggi”.

Una parte del materiale sequestrato
 
 
 

maxi sequestro a cura della Polizia Locale

una parte della merce sequestrata durante la maxi-operazione antiabusivismo a Bibione.

comunicato stampa 07.07.2018



Non ha tregua la lotta all’abusivismo commerciale a Bibione con la polizia locale che in poche ore opera un maxi sequestro di oltre mille oggetti pronti per essere messi  in vendita.


“Ieri pomeriggio – spiega il comandante della polizia locale, Andrea Gallo -  è scattata una maxi-operazione in tutta la località balneare con controlli in spiaggia e in pineta”. Il servizio antiabusivismo ha visto impegnati 15 agenti che hanno effettuato controlli a tappeto da Lido dei Pini a Bibione Pineda. “In particolare – evidenzia il dirigente Gallo -  sono state controllate capillarmente tutte le zone della spiaggia; a ciò si sono aggiunti controlli stradali per la verifica del trasporto di merce su strada ed il rispetto del regolamento comunale che vieta la detenzione senza giustificato motivo di merce destinata alla vendita”.


I dati finali dell’operazione dimostrano l’efficacia dei controlli: 1086 oggetti sequestrati tra cui 704 oggetti di bigiotteria, 85 aquiloni, 70 asciugamani. 116 i pezzi sequestrati perché contraffatti tra cui 63 marchi pronti per essere applicati, 31 borse e 22 borselli. L’intera operazione ha comportato il sequestro di merce per un valore commerciale che si aggira intorno ai 20 mila euro.


“I servizi mirati contro il commercio illegale – evidenzia il comandante Gallo – sono quotidiani sia in spiaggia che in isola pedonale, sia in uniforme che in borghese e la netta diminuzione dei venditori è un dato oggettivo che dimostra l’efficacia dei controlli”.


Soddisfazione per questa operazione è stata espressa dal sindaco di San Michele-Bibione, Pasqualino Codognotto: ”Il contrasto all’abusivismo commerciale – evidenzia Codognotto - è costante e quotidiano. Queste maxi operazioni sono una concreta risposta per la difesa della legalità”.




Nella foto: una parte della merce sequestrata durante la maxi-operazione antiabusivismo a Bibione.